05 giu 2014

Festa per Sofia e artisti nella Sophienstraße l' 8 giugno 2014


Domenica 8 giugno 2014 dalle ore 15 alle 19 festa nella Sophienstraße di Hannover.
L'occasione è unica: il 300. anniversario dalla morte della duchessa elettrice Sophie di Hannover, nel giardino di Herrenhausen, durante un temporale, evidentemente per colpo apoplettico.
Sophie era una donna politica intelligente, attenta, impegnata tanto a favorire il pensiero (Leibniz) quanto il Bello, le arti e gli artisti. 
Non a caso la città le ha dedicato questa strada in cui risiede il Künstlerhaus con statue di Leibniz, Conrad Wilhelm Hase ecc.

Questa piccola festa è la duchessa elettrice Sofia e per quanto lei ha amato: le arti visive e per uno stile di vita centrato su ragione e passione. Sofia era sposata con un Guelfo e proveniva 
della casa degli Stuart e nutriva un gran amore per l'Italia, che allora nel seicento-settecento dettava legge in moda, lettere e arte. 
E per il suo 300° anniversario della morte sono proprio gli artisti che le organizzano questa festa come risposta e rigraziamento al suo interesse per l'arte e al suo mecenatismo. 
L'esempio di Sofia dovrebbe portare oggi a riscoprire le arti figurative e anche a rispettare di più chi le esercita, preoccuparsi di incentivare le nuove leve in questo campo: vedi il il Premio dell'Hannoverschen Künstlerverein, che viene ogni anno messo a disposizione da un artista arrivato ad uno emergente. Siamo arrivati al punto, infatti, che gli artisti devono badare da soli a non estinguersi come professione.
Il Presidente dell'HKV, Constantin Barzantby, renderà noti in quest'occasione i termini del concorso. 
Bisogna aggiungere, che nel Künstlerhaus ha anche luogo dal 2010 il Salotto di Sofia che sprona ad un maggior impegno politico e al transfer di conoscenze da vecchie a nuove generazioni, riservando un ruolo centrale al pensiero critico e alle professioni artistiche. 
La Sofienstraße è diventata così un luogo filosofico di Hannover anche con il Festival der Philosophie, importato da Modena.

L'idea di una presentazione di arte e artisti all'aperto è di Mahmoud Satery (Iran), che da tempo ripete, che se la società civile non si lascia coinvolgere dagli artisti, questi devono andarle loro incontro, e perché no proprio: per strada….
La serata si conclude con una lettura di poesie di Tengezar Marini, poeta curdo ma che pubblica anche in arabo, arameico tedesco. I suoi versi saranno accompagnati dalla musica di Blue Moon.

Nessun commento:

Posta un commento