03 ott 2012

Sicilia Mondo – La poesia strumento di aggregazione delle comunità siciliane nel mondo

A Catania, presso la sede di Sicilia Mondo, sono state presentate le preannunziate poesie di Angela Argentino , siciliana residente in Grecia, con la raccolta Ditemi!” che ha triangolato le sue poesie con quelle di Emma Di Stefano, di Brindisi, con la pubblicazione Il silenzio è una formica” e di Rita Elia, di Termini Imerese (PA), con la raccolta “Puntu e a Capu”, in una sala affollatissima di donne, giovani e giovanissime.

Hanno introdotto la manifestazione la prof.ssa Sarah Muscarà, Ordinaria di Letteratura Italiana all’Università di Catania, con un interessante preambolo sulla natura della poesia e la prof.ssa Marinella Spina – Università di Catania, che ha letto e commentato i momenti più significativi delle poesie.
Sono state poi le stesse poetesse a leggere le poesie di maggiore successo, riscuotendo larghissimi applausi.
Azzia, ringraziando le ospiti ed in modo particolare la delegata di Sicilia Mondo in Grecia Angela Argentino, ha detto: Avete portato una ventata di primavera , di buon umore e di gioia. Quella gioia di stare insieme che sta scritta nel Dna che i nostri corregionali hanno portato nelle società ospitanti con la cultura della amicizia, della ospitalità, della solidarietà e del modo di vivere siciliano e di rapportarsi con l’altro. Una cultura apprezzatissima anche dalle altre collettività regionali che vivono nelle società ospitanti.
Le poesie – ha detto Azzia - mettono in evidenza la straordinaria sensibilità di chi le ha scritte ed una visione quasi etica dei temi trattati. Sono un inno di amore verso la propria terra , la natura, i paesaggi ma anche una dovizia di sentimenti come l’amore, la passione, la speranza.
Le poesie si leggono, infatti, tutte di un fiato perché riportano il lettore nei luoghi descritti. Facendoli rivivere. Come dal vero. Coinvolgendoti. Come una magia. Nel nostro caso come sedotti da tre sirene.
Oggi la poesia, espressione viva di sensibilità e di sentimenti, si conferma come strumento immateriale e privilegiato di comunicazione e di aggregazione culturale con le nostre comunità.
Possiamo quindi considerare anche la poesia un punto di forza della comunicazione, perfettamente rientrante nei progetti culturali tenacemente perseguiti da Sicilia Mondo.
E quindi anche la poesia diventa strumento per tenere vivo il rapporto di relazione con i corregionali all’estero, alimentando la cultura di origine nei confronti della assimilazione culturale da parte delle società ospitanti.
Alle tre poetesse sono state consegnate tre targhe ricordo ed omaggio floreale, rispettivamente dalla prof.ssa Sarah Muscarà che ha presenziato l’Incontro, dall’Avv. Renato Sgroi Santagati, Presidente di “Rinascita Siciliana” e dall’Avv. Francesco Attaguile, già Direttore Regionale.
Larghissima la partecipazione di amici e sostenitori. In sala Mons. Antonino Calanna, l’Avv. Enzo Zappulla, Commissario Straordinario del Teatro Massimo di Catania, l’Avv. Rodolfo Azzia, i giornalisti cattolici Dr. Filippo Galatà e Dr.ssa Annarita Fontana, Dr. Salvo Vicari, Dr. Paolo Musumeci, Dr. Marco Belluardo, Dr. Santo Fortunato, Dr. Angelo Privitera, Carmelo Sergi. Il Vice Presidente Cav. Paolo Russitto ha fatto gli onori di casa.

Nessun commento:

Posta un commento